top of page

Il mistero Copernicano

Sebbene ufficialmente iscritto a Bologna in diritto canonico, poi in diritto civile, Copernico aveva anche un profondo interesse per l'astronomia, e non ignorava il fatto che maestri di Cracovia erano regolarmente chiamati a Bologna per insegnare questa disciplina e anche per professare l'astrologia.



"Il ‘400 era ormai giunto al termine, quando io giunsi a Bologna e, in particolare, nella sua famigerata Università.


Mi iscrissi nel registro dei giuristi della nazione tedesca, che includeva giovani provenienti dalla Silesia, dalla Prussia e dalla Pomerania, così come studenti di altre terre. La mia permanenza durò circa tre anni. Senza falsa modestia, potevo ritenermi un giovane poliedrico, poiché, al contempo, studiavo diritto civile nella città di Ferrara, ma la mia musa maggiore rimaneva sempre lei: l'astronomia. Di fatto, fu proprio in quell'anno che feci le mie prime osservazioni astronomiche.


Con tutta franchezza, i miei interessi non andavano maggiormente verso gli studi di legge canonica, bensì verso quelli umanistici e astronomici; ti basti pensare che ricevetti il dottorato in legge canonica soltanto sette anni dopo, per mezzo d'un secondo rientro in Italia.


Fu proprio a Bologna che, tra i professori, ve n'era uno, già assai celebre all'epoca, che sarebbe divenuto mio mentore e maestro dilettissimo, ovvero Domenico Maria Novara. In seguito, sviluppai nuove idee ispirandomi all'Epitome in Almagestum Ptolemei di George von Peuerbach e Johannes Regiomontanus. Ergo, verificai le sue osservazioni su delle peculiarità della teoria del moto della luna, tant'è che lì condussi una memorabile osservazione dell'occultamento di una stella chiamata Aldebaran, nella costellazione del Toro. Il che fu una delle prime immense soddisfazioni della mia vita."


Si sa che Copernico trovava il suo soggiorno a Bologna particolarmente dispendioso in considerazione delle sue risorse di studente, e che a volte rimaneva senza soldi..


Di Stefano, autore del tour "Copernicus. The silent revolution"





1 visualizzazione0 commenti
bottom of page